La grande crescita del Big Data

Il fenomeno Big Data è un fenomeno in crescita, e non è destinato a fermarsi.

Gartner, in un recente studio, stima che il valore di mercato del Big Data tra il 2013 e il 2016 sarà di 232 miliardi di dollari.

Il fenomeno Big Data sembra essere senza fine o limiti, anzi si prevede che aumenti in misura esponenziale. Oggi parliamo di Exabyte e di Petabyte, ma l'universo digitale che gli scienziati di dati stanno cominciando a guardare, si misura già in Yottabyte e dal 2020 si misurerà in Brontobyte, un ordine di grandezza superiore.

Questa enorme crescita è dovuta a tre fattori:

  • L'esplosione del cloud computing
  • La combinazione con i Dati Aperti (Open Data)
  • Il moltiplicarsi dei servizi

Appare conseguente che In questo modo aumenterà il numero di chi fornisce servizi,, si moltiplicheranno i servizi disponibili ed aumenteranno le loro possibili utilizzazioni. . Inoltre, la combinazione con i sensori, machine-to-machine e wareable computing, farà accrescere ancora di un ordine di grandezza il tipo di dati che saranno messi in relazione tra di loro..

Ancora oggi si parla di applicazioni Internet che utilizzeranno questi dati in modo automatico, offrendo servizi aggiuntivi e facendo lievitare, pertanto, il fenomeno di una scala in più.

Considerazioni finali: in che modo tutto questo sta influenzando la nostra vita?

Se si dovesse veramente tener conto di questo trend,, alcuni paesi europei dovrebbero ri-orientare la propria offerta formativa, convertendo la preparazione dei giovani in materia di lavoro tradizionale della gestione amministrativa, verso una preparazione orientata ai servizi più "high-touch",, come trend watcher (Osservatore di tendenze, un corso di studio recentemente lanciato nei Paesi Bassi) oppure come istruttore di fitness (cercando di capitalizzare e far fruttare la crescente tendenza dell'obesità.).

bits-wearablereport-tmagArticle

Questi posti di lavoro nel prossimo futuro potranno senz'altro utilizzare Big Data. Ad esempio, la prossima generazione di palestre “self-service” disporrà di computer programmabili, direttamente utilizzati dai clienti, le porte saranno ad accesso automatico,, non mancheranno applicazioni personali e le lezioni di gruppo si svolgeranno in video..

In questo modo, in una palestra ci saranno solo 1 o 2 persone formate per prestare il primo soccorso, mentre non vi saranno né istruttori e né allenatori..

Invia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>